Il mutuo è un atto molto importante che come abbiamo già detto condiziona in modo molto incisivo la nostra quotidianità in quanto ci lega ad un rapporto di credito con una o più banche e solitamente per parecchi anni. Occorre quindi essere ben consapevoli di ciò che si sta scegliendo, senza lasciare nessuna opzione al puro caso, in quanto potremmo pentircene.

Analizziamo quindi uno degli aspetti fondamentali della richiesta del finanziamento, ovvero quanti soldi bisogna chiedere all’istituto erogante per fare fronte alle nostre esigenze.

La prima cosa da sapere è che la somma che si ottiene non può essere scelta liberamente; i mutui in genere coprono l’80% del valore periziato dell’immobile, ma in relazione al reddito del richiedente la percentuale può essere minore. Chi finanzia (ovvero la banca) analizzerà prima la capacità di far fronte al debito negli anni futuri, poi il valore della casa che si acquista.
Chi ha intenzione di chiedere un mutuo dovrà quindi fare un’attenta previsione di quello che potrà accantonare mese per mese per pagare le singole rate. Una buona regola da tenere presente è quella di non chiedere mai un finanziamento superiore a un terzo delle proprie entrate (a meno che non si disponga di guadagni elevati). È importante tenere conto della propria capacità di risparmiare e dell’eventualità di dover far fronte a spese impreviste.
Esiste tuttavia la possibilità di richiedre un mutuo fino a raggiungere il 100% del valore dell’immobile che si vuole acquistare, ma in tali casi gli interessi sono molto elevati e le garanzie richieste sono maggiori ovviamente perchè il rischio che l’ente emittente core è più elevato.

Quindi, uno dei requisiti fondamentali per l’acquisto dell’immobile è quello di avere parte dei soldi già disponibili in quanto la banca fornirà al massimo l’80% dei soldi necessari per il suo acquisto.

Proprio per tale necessità, molte famiglie sono costrette a rimandare l’acquisto della casa; tuttavia può venire in soccorso l’’articolo 2120 del Codice Civile che prevede la possibilità, per i lavoratori di aziende con oltre 25 dipendenti, di chiedere un’anticipo del trattamento di fine rapporto (TFR) per l’acquisto di una casa. Questa facoltà è concessa soltanto nell’ipotesi di acquisto della prima abitazione. Per la seconda casa non è possibile usufruire di tale agevolazione ovviamente poichè le case oltre la prima sono considerate beni di lusso e quindi su tali somme lo stato non ofre alcune eccezioni oppure agevolazioni.

Altra cosa importante è decidere la durata del mutuo.